Ispirandosi alla natura

IMG_9041Ogni volta che si inizia la bellissima avventura della ristrutturazione, inizia sempre una nuova esperienza, ogni progetto è diverso, ogni cantiere è diverso, anche i problemi che di volta in volta si presentano e si devono risolvere sono sempre diversi e soprattutto i clienti, sono sempre diversi e proprio l’incontro con loro trovo sia un’esperienza importante, si deve sempre essere un po’ psicologi, capire quello di cui hanno bisogno, le sensazioni che cercano, le loro necessità devono essere ascoltate e soddisfatte per poter arrivare a creare l’ambiente in cui potranno riconoscersi, vivere e stare bene.
Affinché un ambiente sia accogliente e sappia infondere in chi lo abita piacevoli sensazioni, è fondamentale che non solo lo spazio fisico, ma anche i materiali, i colori e le luci che lo caratterizzano siano in perfetta armonia tra di loro e con il contesto in cui l’abitazione si trova.
Sto lavorando ad un progetto delizioso, l’ampliamento di una casa a Nervi, ed ogni volta che mi reco in cantiere resto affascinata dalla vista che si gode sul mare che, col suo eterno movimento, a seconda delle condizioni atmosferiche e della luce, è capace di donare “quadri” spettacolari.
È stata proprio la presenza del mare, coi suoi infiniti colori, dal bianco al blu intenso passando per tutte le più belle sfumature degli azzurri, talvolta virando verso il verde e addirittura verso i toni caldi del rosso, giallo e arancio all’ora del tramonto ad ispirare le cromie per gli ambienti della casa.
Per il bagno ho scelto di lasciarmi trasportare dalle onde verso il tramonto e così, invece dei più classici toni dell’azzurro, ho virato verso i rossi, accompagnati dal legno di teak naturale e dalla luce del bianco, per creare un’ambiente caldo, accogliente capace di infondere energia, come solo il colore rosso sa fare.
Talvolta rompere gli schemi consente di creare nuovi scenari inaspettati, insoliti, originali, ma soprattutto capaci di donare sensazioni di piacere, quando poi è la natura a guidare queste scelte, si riesce a creare un tutto armonico con l’ambiente.
Le ceramiche scelte per il rivestimento sono di Made a Mano quelle con decori rossi fatti a mano e la rossa, di Ceramica Bardelli quella bianca, mentre i pesciolini di ceramica sono di Mv ceramica design.

Annunci

Stile jungle con Ikea

IMG_6324Le vacanze estive ormai sono un ricordo che si affievolisce sempre più, venendo sorpassato dagli impegni di lavoro che riprendono, la scuola dei bambini che ricomincia, la solita routine quotidiana piena di mille impegni e cose da fare ed organizzare, ma ogni tanto il pensiero vola al mese appena finito, quando eravate sdraiati su di una spiaggia esotica circondati da palme, sabbia bianca e mare blu, o quando eravate seduti su di una roccia tra le montagne e contemplavate una cascata che dall’alto squarciava la folta foresta, e lo stare a contatto così stretto con la natura vi manca un po’.
C’è un modo però per poter portare con voi sin dento la vostra casa un po’ di quella natura tanto benefica e salutare che avete lasciato per tornare al grigiore della città, un modo che oramai ha definito uno stile ben preciso, che spopola sulle riviste di arredamento e che viene riconosciuto col nome di stile jungle.
Ma in cosa consiste lo stile jungle?
Lo stile jungle è una nuova tendenza, nata probabilmente da un bisogno profondo di recuperare un rapporto con la natura che, per chi vive in città, diventa sempre più difficile. Le giornate vengono vissute di corsa tra il traffico e l’asfalto grigio, spesso giungono a sera velocemente e il tempo da dedicare a se stessi e al benessere nella natura viene rimandato al giorno dopo che però, nella maggior parte dei casi, si ripete uguale al precedente.
IMG_6323Lo stile jungle, permette di portare all’interno dello spazio abitativo quella natura a cui si passa accanto, che si sfiora e che non si gode mai come si vorrebbe, se non durante il fine settimana, è uno stile che vede la natura come protagonista degli interni, le piante, il colore verde (che quest’anno con il Greenery a cui è dedicato un articolo nel blog, è stato definito colore dell’anno) e i materiali e i tessuti naturali.
Lo stile jungle che vi propongo è realizzabile in ogni ambiente, con pochi accorgimenti ed accessori, sarete in grado di organizzare una piccola oasi di benessere e pace dove più preferite.
Come vi anticipavo in occasione dell’uscita del nuovo catalogo Ikea, ho selezionato una serie di elementi di arredo e complementi che qui di seguito vi suggerisco:
-lenzuola in lino “Puderviva” i tessuti naturali, magari un po’ grezzi e dall’aria vissuta sono l’ideale per creare ambienti confortevoli.
-tavolino “Stockholm 2017” in legno e rattan intrecciato, da usare sia in camera da letto che di fronte al divano.
-un cesto contenitore multifunzione “Fladis”.
-un tappeto a pelo lungo come “Tejn”, ovviamente sintetico, da poter mettere sia a terra davanti al divano, ai piedi del letto o anche su di una poltrona per scaldarsi nelle giornate uggiose alle quali andiamo in contro con la stagione autunnale.
-le piante non possono mancare, scegliete quelle da interno che più vi piacciono, con o senza fioritura, contribuiranno non solo a donare maggiore comfort abitativo all’ambiente, ma miglioreranno anche la qualità dell’aria e se i vostri amici a quattro zampe ne sono ghiotti, come i miei, nel blog ci sono articoli con cui vi suggerisco alcune soluzioni per far convivere serenamente fauna e flora in casa.
-se cercate un divano nuovo e volete creare uno stile jungle in casa, “Vimle” in un’intensa tonalità di verde potrebbe fare al caso vostro, contrariamente, se il divano già c’è, potete optare per ricoprirlo con un bel telo di lino verde che potete trovare nei migliori negozi di tessuti d’arredo della vostra città.
IMG_6322-uno o più pouf in foglie di banano intrecciate come “Alseda” sono perfetti come poggiapiedi, tavolino o sedute aggiuntive per gli ospiti.
-un tappeto come “Pandrup” dai colori vivaci darà una nota di allegria nell’insieme dei colori neutri dei tessuti e dei materiali naturali degli arredi e spiccherà tra il verde delle piante.
-sopra al tavolo da pranzo o ai lati del divano per far luce su un tavolino basso, la lampada “Sinnerlig” in banbù intrecciato saprà creare la giusta atmosfera.
-“Stockholm 2017” la poltrona in vimini con morbidi cuscini, in un angolo tra il verde delle piante, per creare un rilassantissimo angolo lettura.
I colori sono sempre molto importanti all’interno della casa, il loro giusto accostamento agli arredi contribuisce alla perfetta creazione di uno stile, per questo jungle style che vi propongo, ho selezionato dalla cartella Farrow & Boll i seguenti colori:
Shadow White
Cooking Apple Green
Calke Green
Book Room Red
Card Room Green
Il tocco finale lo creerei con una parete rivestita con carta da parati in perfetto stile jungle, come quella di Fornasetti “Le chiavi segrete” proposta da Cole & Son.

Stile industriale con Ikea

IMG_6241Lo stile industriale abbiamo imparato a conoscerlo attraverso i film di Hollywood come “Ghost” o “Flashdance” ma anche in tempi più recenti nel bellissimo film di Salvatores “Happy family”, dove in incantevoli loft, spazi industriali dismessi e riadattati ad abitazione, l’arredamento e le finiture mantengono rimandi ed elementi che in qualche modo richiamano le attività svolte un tempo in quegli spazi.
Ed è proprio questo lo stile industriale, i materiali che lo caratterizzano sono quelli che costituivano l’involucro, lo scheletro degli ambienti recuperati, materiali grezzi, non rifiniti, lasciati al naturale o rovinati dal tempo e dall’usura.
Cemento e mattoni a vista, ferro naturale, legno grezzo, elementi che ricordano le tubature e gli impianti, estetiche che richiamano attrezzi da lavoro, tutto questo insieme è ciò che caratterizza lo stile industriale, uno stile che non ha troppe pretese, che spesso predilige la funzione al design, anche se quest’ultimo si sta facendo egregiamente strada anche in questo stile.
Lo stile industriale che vi propongo, vuole rompere un po’ i soliti schemi, manterrà la caratteristica della semplicità del design e delle linee pulite, i materiali naturali e usurati, ma a questi accosterò materiali più raffinati e rifiniti, come il velluto o il vetro che abbinati poi tra di loro con l’aggiunta di pezzi speciali di recupero che hanno un’anima e una storia da raccontare, magari trovati nei mercatini dell’antiquariato, creeranno ambienti chic e confortevoli.
IMG_6242Gli arredi che ho selezionato per voi sono:
-un bel divano di velluto grigio tipo “Stockholm”, è chiaro che non è necessario cambiare il divano di casa, basta andare in un buon negozio di tessuti e scegliere il velluto che più vi piace per farsi tagliare un telo della misura adeguata a ricoprire il vostro divano, (raccomando di stare abbondanti per poter rimboccare bene tra i cuscini il tessuto così da far leggere la struttura originaria del divano).
-una copia di tavolini con struttura in ferro nero e piani in vetro come “Vittsjo” da metter vicino al divano.
-una o più lampade a sospensione di grandi dimensioni che ricordano quelle delle fabbriche come “Hektar” nella finitura ferro nero, da mettere sopra al tavolo da pranzo o basse in un angolo sopra ad un coffee table.
-una vetrina per libri, oggetti o come dispensa in cucina come “Fabrikor” in un gradevole tono di blu.
-un bidone per riporre oggetti o per la raccolta differenziata in cucina come “Knodd” nella finitura ferro nero
-uno scaffale per i libri in ferro nero e legno come “Fjallbo”
-un bel tappeto in iuta, di grandi dimensioni, da mettere davanti al divano come “Lohals”
-una sedia che ricorda quelle industriali dei vecchi stabilimenti, in ferro e legno come “Kullaberg” da abbinare ad un bel tavolo di recupero trovato in qualche mercatino, ma se non dovete cambiare il vostro tavolo, non c’è problema, potete cambiare la finitura, o lo dipingete in un colore scuro come grigio antracite, o se è di legno è già perfetto così.
-per non perdere il clima che avete creato nella zona giorno, la sera, potete immergervi in fresche e candide lenzuola di percalle di cotone come “Haxort” che con una sottile linea blu richiamano il mood che avrete creato.
IMG_6243Il colore poi sarà il tocco finale alla vostra casa, che potrete applicare sia alle pareti, magari non tutte, ma solo su quelle che incorniciano il divano o la zona pranzo, ma anche ai complementi, come tessuti, tende, cuscini, se poi volete ricreare un’atmosfera simile ai tanto ammirati loft newyorchesi, una parete in mattone a vista è quello che ci vuole. Ovviamente non vi propongo di demolire casa per riportare alla luce i mattoni vivi sotto all’intonaco, ma esistono bellissime carte da parati che riproducono fedelmente la texture di una parete lasciata grezza su Murals Wallpaper troverete sicuramente la finitura che vi piace di più.
La palette di colori che ho selezionato, è di Farrow & Boll e i colori sono:
Cornforth White
Worsted
Down Pipe
Drowing Room Blue
Hague Blue

Greenery….ma ci piace?

img_0004Come ogni anno Pantone, l’istituto che cataloga i colori, li produce e li identifica, determina una tinta che diventerà il motivo conduttore dello stile nei diversi ambiti in cui il colore ha un ruolo importante, moda, architettura, design, decorazione, grafica….
Devo essere sincera, quando negli ultimi giorni del 2016 è stato annunciato il colore scelto da Pantone come rappresentante per questo 2017, la mia reazione non è stata proprio favorevole, mi è subito sembrato troppo acceso, invadente, ho provato ad immaginarlo in un ambiente domestico ma niente, proprio non mi convincevo.
Nonostante questo, però, considerando anche il fatto che molte tonalità di verde sono tra i miei colori preferiti, ho voluto approfondire, e ho cercato le motivazioni che hanno portato Pantone a scegliere Greenery come colore per il 2017.
Greenery, che tradotto letteralmente significa verdura, è un punto di verde particolarmente vitale e deciso, un po’ come lo sono i germogli freschi nei primi giorni di vita, quando a primavera tutto sboccia, rinasce e ritorna alla vita.
Scegliere Greenery è stato anche un messaggio di incoraggiamento, di invito alla vitalità e positività che tanto serve in questo particolare momento storico, è un colore rassicurante che sa dare una risposta al desiderio di recuperare un rapporto con la natura e con gli altri.
Non c’è dubbio che le caratteristiche sensoriali che questo colore riesce a conferire ad un ambiente secondo gli effetti della cromoterapia, sono positive e decisamente benefiche, nonostante questo, trovo che sia comunque un colore dalla personalità importante e che la sua benefica presenza nell’ambiente sia da calibrare.
Come fare? Basta giocare con gli accessori, così ho fatto per voi un giro all’Ikea, il regno indiscusso della casa e c’è veramente una scelta infinita che vi permetterà di personalizzare ogni ambiente, cucina, soggiorno, camere da letto, bagno, terrazzo, ma attenzione agli abbinamenti, i colori col quale il Greenery da il meglio di se sono, a mio parere, il blu notte e il grigio basalto, mentre il legno, soprattutto naturale, è il materiale perfetto a cui accostarlo.

img_0006

img_0012

img_0010

I colori del Salone 2016

rosa e azzurroQualche giorno fa si è chiusa un’edizione del Salone del Mobile a mio parere eccezionale, l’atmosfera che si respirava per la città era energia pura, le proposte e le novità veramente meritevoli e le iniziative, alcune delle quali proseguono ancora per qualche mese in varie parti della città, molto interessanti.
Gli stimoli e le ispirazioni, sono stati tanti e gli argomenti da trattare vari, ma ho pensato che il primo potrebbe essere quello del colore, aspetto secondo me primario per la personalizzazione degli ambienti, degli oggetti, degli abiti, in poche parole di tutto quello che ci circonda.
Ogni anno, come molti sanno, Pantone “elegge” uno o più colori come i più rappresentativi e di tendenza dell’anno, per questo 2016 il colori sono Rose Quartz e Serenity e devo dire che sono stati avvistati in ogni sito e sotto ogni forma possibile.
Io stessa, ho proposto la mia lampada Essenziale nelle due tinte in limited edition per la design week, ma non sono stata l’unica!
Le meravigliose giare ricoperte di terre e decorate con applicazioni tridimensionali in ceramica di Coralla Maiuri, stilista e artista, esposte nel fiabesco show-room di Luisa Beccaria, ed abbinate ai suoi incantevoli abiti, si ispiravano alle tinte Pantone, come altre lampade, le Binic di Foscarini per esempio, o le pentole e cocotte di Le Creuset, o, ancora, le poltrone Utrecht progettate nel 1935 da Gerrit Thomas Rietveld proposte da Cassina e presentate in limited edition con tessuti in un particolare jacquard.
Di citazioni potrei farne ancora molte, gli avvistamenti sono stati numerosi, ma mi soffermerei solo su questa manciata di immagini, per sottolinearel’importanza della scelta del colore, qui si può infatti notare come la delicatezza delle tinte 2016, utilizzate per personalizzare varie forme, funzioni e materiali, sappia conferire all’oggetto un aspetto etereo, romantico e da sogno, come se si volessero invitare le persone attraverso il loro utilizzo, a non smettere mai di sognare.

2016 un anno in rosa e azzurro?

image Ogni anno la Pantone, un’azienda statunitense che si occupa principalmente di tecnologie per la grafica, della catalogazione dei colori e della produzione del sistema della loro identificazione, seleziona un colore, che secondo le loro ricerche, diverrà rappresentativo per le tendenze di moda, architettura e design.
Come vi ho già raccontato negli articoli precedenti dedicati ai colori, ogni tinta può avere un effetto sia sulla persona che sullo spazio, variando la percezione che si ha di questo.
Il colore, anzi sarebbe meglio dire i colori scelti da Pantone per questo 2016, sono 10, ma i principali, i più influenti, quelli già riconosciuti come più rappresentativi, sembrano essere il Rose Quartz e il Serenity, in sostanza Rosa e Azzurro.
Per convenzione sono da sempre i due colori che individuano il sesso dei bambini, Rosa le femminucce e Azzurro i maschietti, due colori legati all’infanzia, quindi, ai tempi dell’innocenza, della serenità, della spensieratezza e dell’allegria, forse ciò di cui il mondo avrebbe proprio bisogno in questo periodo di tensione, di tentativo di alcune organizzazioni criminali che si celano dietro a ideologie religiose, di diffondere il terrore, il sospetto, l’insicurezza e la discriminazione, andando a colpire proprio nei luoghi e momenti dove lo spirito di libertà, gioia e aggregazione sono più forti.
Sono anche due colori che, come visto, infondono senso di calma, serenità e rilassamento, negli ambienti o alle persone che li indossano, il total look può sembrare eccessivo e richiamare in maniera forte il mondo dell’infanzia, le infinite sfumature, di cui entrambi sono ricchi, però, ne smorzano o accentuano la loro natura, rendendoli così più facili da utilizzare o indossare. In casa si sposano benissimo col calore e la naturalezza del legno, se si scelgono le tonalità meno intense come il rosa antico o l’azzurro polvere, si può anche azzardare un total look, se invece si scelgono le sfumature più forti, come il ciclamino o il turchese, consiglierei di utilizzarli per accessori e complementi, da abbinare elegantemente anche a bianco o grigio.
É il primo articolo che pubblico in questo nuovo anno, e ho scelto proprio questo argomento per augurarvi che l’ottimismo del rosa e la serenità dell’azzurro colorino ogni vostro giorno di questo 2016.
Come potete poi notare dall’immagine finale, gli altri colori selezionati dalla Pantone, sono tutti nelle nuance dei due principali con l’aggiunta di un energico rosso Fiesta, una allegro giallo Buttercup e uno speranzoso verde Green Flash, in sostanza sembrerebbe che la nota azienda statunitense abbia voluto lanciare un messaggio di positività attraverso una bella selezione cromatica.
Buon anno a tutti.

image

La boiserie dipinta

imageUltimamente mi capita sovente di sentirmi chiedere consigli su come rinnovare un ambiente dall’aria un po’ vecchiotta o dargli carattere se sciapo e spoglio.
Il sistema meno invasivo e dai risultati immediati é quello di cambiare il colore delle pareti, i principali dubbi, però, riguardano proprio la scelta dei colori e il loro utilizzo, più che altro si teme sempre di appesantire gli ambienti e togliere luce, soprattutto perché la tendenza é quella di preferire le tonalità intense, che rilassano e rendono gli ambienti accoglienti.
In generale non direi che esiste una regola sulla scelta dell’intensità più o meno marcata di un colore, se un ambiente è poco luminoso e ci si è innamorati di una tinta scura, la soluzione c’è.
Ma cominciamo con la scelta della tinta, in caso di ambienti già arredati, è fondamentale tenere in considerazione le preesistenze, i materiali e i colori, saranno questi che ci guideranno alla scelta, il consiglio è quello di evitare i toto su tono, meglio contrastare, cercate di creare sempre un gioco di chiaro scuro.
Scelto il colore si deve scegliere come colorare le pareti, con le tinte chiare non sbagliate mai se le colorate tutte e a tutta altezza, ma con le tinte scure ci vuole un po’ più di attenzione, il rischio di incupire l’ambiente é alto, quindi meglio scegliere una o due pareti da valorizzare e lasciare le altre chiare.
Ma la tipologia che preferisco e sa caratterizzare discretamente e in modo chic gli ambienti é la boiserie, ossia colorare tutte le pareti realizzando una zoccolatura alta, che va da un minimo di cm 40 ad un massimo di 90 da terra.
imageCome vi mostro nei due esempi in foto, la boiserie si adatta a diversi stili di arredo, nel primo caso, lo stile industriale è enfatizzato dalla fascia alta cm 90 che partendo dalle basi della cucina nello stesso colore, corre per tutto l’appartamento, il color grigio basalto, decisamente intenso, in questo modo non rischia di incupire gli ambienti, anzi gli dona carattere e stile. Nel secondo caso, la boiserie è più bassa, 40 cm dal pavimento, e il color latte di mandorla, si fonde armoniosamente con le tinte naturali scelte per questo stile country chic, il gioco del chiaro scuro è affidato alla sottile riga color blu tempesta che riprende i tessuti e i complementi d’arredo.
Come potete notare, per ottenere un risultato armonico ed elegante, ciò che conta maggiormente è l’abbinamento con gli arredi, quindi se non partite da zero, non ragionate guardando la parete bianca che tanto vi sembra spoglia, ma osservate l’ambiente nel suo insieme e vedrete che la scelta del colore è già difronte ai vostri occhi.