Ispirandosi all’Oriente

foto 2Siamo in estete, la stagione dove in media vengono organizzati i viaggi importanti, ed anche se questa tendenza sta cambiando e si tende a viaggiare un po’ in tutti i periodi e stagioni dell’anno, in molti restano affezionati alle vacanze estive, un po’ per abitudine, un po’ per necessità, un po’ perché certe attività lavorative si fermano proprio in questo periodo e quindi le ferie sono obbligate.
Quando si è in vacanza ci si dedica a tutto quello che non si riesce mai a fare durante il periodo lavorativo, e infatti le vacanze non bastano mai, si legge, ci si dedica agli hobbies preferiti, alla famiglia, agli amici, a sé stessi e alla propria casa.
Le mete affascinanti da scoprire sono veramente infinite, dalle più selvagge alle più innovative, dai borghi isolati sulla sommità di un monte, alle grandi città chiassose e tecnologiche, dalle mete marittime a quelle montane, da quelle avventurose a quelle all’insegna del relax.
Dai viaggi, di qualunque natura siano, si torna sempre, o almeno a me capita di tornare sempre, carichi di idee, ispirazioni, spunti, nuovi stimoli e questo, nel campo del design, è una caratteristica sempre viva e presente, che può essere più o meno evidente.
foto 1Una cultura che ultimamente mi capita di riconoscere in molti oggetti di design, è quella Orientale, con la pulizia delle linee, i grafismi e i decori delle stampe, i tessuti, il senso del rispetto, la sofisticata arte topiaria e i giardini zen, le ceramiche, l’ordine e l’organizzazione, la calma nelle azioni, come nella cerimonia del tea, la meditazione e lo Yoga, la gentilezza, tutti aspetti di una cultura che da sempre mi affascina, ammiro e da cui spesso prendo ispirazione per il lavoro ma anche la vita di tutti i giorni.
I segni distintivi e le ispirazioni che hanno guidato molti oggetti di design degli ultimi tempi, sono riconoscibili da vari aspetti.
La pulizia e l’essenzialità delle linee che definiscono la forma, come la lampada Essenziale o il tavolino Eccentrico entrambi di Bottega Gadda o il divanetto visto da Rossana Orlandi con struttura esile in ottone e imbottitura rivestita in prezioso velluto di seta, pregiato filato che proprio per le vie della seta dall’Oriente ha conosciuto il mondo occidentale.
L’utilizzo dei materiali naturali, come l’originale rubinetto Equilibrio di Gessi realizzato in diverse essenze di marmo o legno, oppure la lampada Perch Ligth di Moooi che sembra un prezioso Origami in carta di riso.
L’ispirazione della forma, come le lampade Orbita in midollino curvato di Bonacina che ricordano il frullino Chasen in bambù che si usa per preparare il tea Matcha, o le lampade Spokes in sottili fili metallici e le Chouchin in prezioso vetro soffiato entrambe di Foscarini che ricordano le poetiche e volatili lanterne in carta di riso care alla tradizione orientale.
foto 3Per chi non può viaggiare o per chi non sceglie mete così lontane, viene in soccorso il Design, che nel suo essere democratico, sa come fare per portare sensazioni e suggestioni dai mondi lontani fin dentro alle nostre case e se vi viene voglia o nostalgia di quei magici scenari, con poco potete ricrearli tra le mura di casa.
Individuate il vostro angolo preferito ed illuminatelo con leggiadre lanterne in carta di riso (all’Ikea se ne trovano di ogni dimensione e forma), scegliete voi se farle pendere dal soffitto o se posarle a terra. Disponete morbidi cuscini in seta con stampati grandi fiori appoggiati su un tappeto in iuta, o metteteli sulla vostra poltrona preferita, accostate poi il tavolino adeguato alla situazione, più o meno basso, e disponeteci sopra una teiera in ghisa dalla quale versare, in belle tazze in ceramica, un caldo e fumante tea, rilassatevi poi leggendo un buon libro o ascoltando musica, tra sorsi di tea e delicati dolcetti.
Se amate la vostra casa, trascorrevi un periodo di vacanza non vi sembrerà oppressivo, ma al contrario vi ricaricherà di energia positiva, se invece non vi riconoscete nell’ambiente che vi circonda, non scoraggiatevi, perché tutto è risolvibile, dovete solo chiedervi in che ambiente vi piacerebbe vivere o nel quale vi sentireste a vostro agio e cercare di ricrearlo la le mura di casa.
Buone vacanze.

Annunci

I colori del Salone 2016

rosa e azzurroQualche giorno fa si è chiusa un’edizione del Salone del Mobile a mio parere eccezionale, l’atmosfera che si respirava per la città era energia pura, le proposte e le novità veramente meritevoli e le iniziative, alcune delle quali proseguono ancora per qualche mese in varie parti della città, molto interessanti.
Gli stimoli e le ispirazioni, sono stati tanti e gli argomenti da trattare vari, ma ho pensato che il primo potrebbe essere quello del colore, aspetto secondo me primario per la personalizzazione degli ambienti, degli oggetti, degli abiti, in poche parole di tutto quello che ci circonda.
Ogni anno, come molti sanno, Pantone “elegge” uno o più colori come i più rappresentativi e di tendenza dell’anno, per questo 2016 il colori sono Rose Quartz e Serenity e devo dire che sono stati avvistati in ogni sito e sotto ogni forma possibile.
Io stessa, ho proposto la mia lampada Essenziale nelle due tinte in limited edition per la design week, ma non sono stata l’unica!
Le meravigliose giare ricoperte di terre e decorate con applicazioni tridimensionali in ceramica di Coralla Maiuri, stilista e artista, esposte nel fiabesco show-room di Luisa Beccaria, ed abbinate ai suoi incantevoli abiti, si ispiravano alle tinte Pantone, come altre lampade, le Binic di Foscarini per esempio, o le pentole e cocotte di Le Creuset, o, ancora, le poltrone Utrecht progettate nel 1935 da Gerrit Thomas Rietveld proposte da Cassina e presentate in limited edition con tessuti in un particolare jacquard.
Di citazioni potrei farne ancora molte, gli avvistamenti sono stati numerosi, ma mi soffermerei solo su questa manciata di immagini, per sottolinearel’importanza della scelta del colore, qui si può infatti notare come la delicatezza delle tinte 2016, utilizzate per personalizzare varie forme, funzioni e materiali, sappia conferire all’oggetto un aspetto etereo, romantico e da sogno, come se si volessero invitare le persone attraverso il loro utilizzo, a non smettere mai di sognare.