Toro

foto 1Il segno zodiacale di questo mese è quello del Toro, viene rappresentato graficamente dall’immagine di un toro possente e il pianeta Venere, quello della bellezza e dell’amore, influenza il segno al quale infonde una natura amorevole, ricettiva, affettuosa ed estroversa. Il periodo in cui il sole attraversa la sua costellazione, è dal 20 aprile al 20 maggio.
I suoi “amuleti” possono essere individuati nelle sfumature del colore blu, che è anche il colore caratteristico dello zaffiro gemma di questo segno, i numeri fortunati sono il 1 e il 9 mentre il giorno propizio è il venerdì.
I nati sotto il segno del Toro, hanno una personalità affascinante, irradiano bellezza fisica e mentale, i loro sentimenti sono profondi, onesti e sinceri, ha coraggio forza d’animo e pazienza. Vuole essere sicuro di sé stesso, per questo presta sempre molta attenzione a quello che fa, è metodico.
Ama le cose buone della vita e i cibi raffinati, i lati belli della natura e dell’arte, in amore è sincero e tenace, desidera la compagnia, l’interesse e l’attenzione della persona che ama, con gli amici è leale ed ama ospitarli.
I nati sotto questo segno zodiacale amano particolarmente le zone della casa deputate al relax, gli spazi ordinati, i colori neutri e sobri e tanto legno. Appassionati di vintage in particolare anni ’50, cercano sempre di unire il comfort allo stile classico, per questo una cucina che ricorda quelle del passato ma reinterpretata in chiave moderna sia nel design che nei materiali, come quella in acciaio di Abimis piacerebbe ai nati sotto questo segno.
Per la stanza da bagno il Toro apprezzerebbe molto due proposte come il lavabo a consolle con base in legno o la vasca a libera installazione entrambi di Antonio Lupi.
foto 2Come accennato poco fa le zone della casa destinate al relax e al ricevimento degli amici sono le predilette, quindi un soffice e accogliente divano dalla forma simile ad una nuvola come quello di Meritalia, Nubola, disegnato da Gaetano Pesce in una sfumatura delicata di azzurro sarebbe perfetto, magari accompagnato da una poltrona in stile anni ’50 la Wingback Chair di Tom Dixon posizionata accanto ad una libreria in legno per creare un confortevole angolo lettura. Un coffee table immancabile è sicuramene quello rotondo con piano in vetro disegnato da Gio Ponti e riproposto da Molteni e per dare un tocco particolare con un pezzo storico, icona del design, che è diventato quasi un pezzo d’arte, la poltrona Joe di Poltronova.
Per finire le proposte per i pavimenti di casa possono essere le classiche cementine esagonali, pietre naturali e soprattutto parquet con finitura il più naturale possibile.

Annunci

Una forma per il Salone 2016

IMG_0272 Non mi dilungherò nuovamente sul ribadire le sensazioni molto positive che il
Salone del Mobile di quest’anno ha suscitato in me, vorrei invece soffermarmi su una delle componenti fondamentali nel design, la forma.
Devo dire che osservando i vari oggetti esposti, ho notato una particolare forma molto ricorrente, quella dell’esagono.
L’esagono, o Sigillo di Salomone, Esagramma o Stella a sei punte, è una forma geometrica che mi è sempre piaciuta, i vecchi pavimenti in cementine che si trovano di frequente nelle vecchie abitazioni e che sono tanto tornati in voga, mi hanno sempre affascinato, per la loro versatilità, per la possibilità di creare infinite combinazioni estetiche, prospettiche e cromatiche, e il rivederli proposti e rivisitati è stato un piacere.
Facendo un passo indietro, per analizzare la forma dell’esagono, si scoprono aspetti affascinanti legati alla sua geometria e simbologia. L’esagono è infatti formato dall’intersezione di due triangoli equilateri, uno con la punta verso l’alto, che rappresenta il cielo, l’aria, il fuoco, il mondo spirituale, il maschile, e uno con la punta verso il basso, che rappresenta la terra e l’acqua, il mondo materiale, il femminile.
Si può quindi dire che questa forma rappresenti l’equilibrio perfetto unendo al suo interno tutti gli elementi esistenti, una sorta di equilibrio tra le forze cosmiche di acqua e fuoco, è considerato un potente talismano e secondo la leggenda, il re Salomone se ne servì per scacciare i demoni e invocare gli angeli.
Una forma dalla forte simbologia e potere spirituale, quindi, che ha ispirato molti designer alla creazione di oggetti dalle funzioni e utilizzi più vari.
Oltre che per pavimenti e rivestimenti, realizzati in diversi materiali, cemento, cotto smaltato, ceramica, merda, si avete letto bene, proprio quella (vedi Museo della Merda), la forma dell’esagono l’ho ritrovata in sgabelli, pouf (da B&B), tavolini, sedute imbottite, come quella di Vitra ipertecnologica disegnata da Carlo Ratti, vassoi, reinterpretazione di carte da gioco (da Rosanna Orlandi), vasi, lampade, manifesti, come quello della bellissima mostra allestita in Triennale, “Stanze”.
Non spenderei altre parole, lascerei che una piccola selezione di immagini dica tutto.

IMG_9742        IMG_9748IMG_9743   IMG_9749

I colori del Salone 2016

rosa e azzurroQualche giorno fa si è chiusa un’edizione del Salone del Mobile a mio parere eccezionale, l’atmosfera che si respirava per la città era energia pura, le proposte e le novità veramente meritevoli e le iniziative, alcune delle quali proseguono ancora per qualche mese in varie parti della città, molto interessanti.
Gli stimoli e le ispirazioni, sono stati tanti e gli argomenti da trattare vari, ma ho pensato che il primo potrebbe essere quello del colore, aspetto secondo me primario per la personalizzazione degli ambienti, degli oggetti, degli abiti, in poche parole di tutto quello che ci circonda.
Ogni anno, come molti sanno, Pantone “elegge” uno o più colori come i più rappresentativi e di tendenza dell’anno, per questo 2016 il colori sono Rose Quartz e Serenity e devo dire che sono stati avvistati in ogni sito e sotto ogni forma possibile.
Io stessa, ho proposto la mia lampada Essenziale nelle due tinte in limited edition per la design week, ma non sono stata l’unica!
Le meravigliose giare ricoperte di terre e decorate con applicazioni tridimensionali in ceramica di Coralla Maiuri, stilista e artista, esposte nel fiabesco show-room di Luisa Beccaria, ed abbinate ai suoi incantevoli abiti, si ispiravano alle tinte Pantone, come altre lampade, le Binic di Foscarini per esempio, o le pentole e cocotte di Le Creuset, o, ancora, le poltrone Utrecht progettate nel 1935 da Gerrit Thomas Rietveld proposte da Cassina e presentate in limited edition con tessuti in un particolare jacquard.
Di citazioni potrei farne ancora molte, gli avvistamenti sono stati numerosi, ma mi soffermerei solo su questa manciata di immagini, per sottolinearel’importanza della scelta del colore, qui si può infatti notare come la delicatezza delle tinte 2016, utilizzate per personalizzare varie forme, funzioni e materiali, sappia conferire all’oggetto un aspetto etereo, romantico e da sogno, come se si volessero invitare le persone attraverso il loro utilizzo, a non smettere mai di sognare.

Ariete

IMG_9314 Il segno zodiacale di questo mese è quello dell’Ariete, rappresentato dall’immagine di un maschio di pecora adulto con importanti corna ricurve sul capo, rappresenta la primavera, quando la luce e l’amore portati dal Sole, vengono donati. Il periodo in cui il sole attraversa la sua costellazione, dal 21 marzo al 19 aprile, corrisponde col periodo in cui la primavera ha il suo maggior momento espressivo, e il clima è caratterizzato da giornate assolate.
I suoi “amuleti” possono essere individuati nelle sfumature del color rosso vivo e nell’Ametista e nel Diamante come pietre, i numeri fortunati sono il 6 e il 7 mentre il giorno propizio è il martedì.
I nati sotto il segno dell’Ariete, hanno una personalità attiva e dinamica, i loro modi sono naturalmente affascinanti, sono coraggiosi, hanno un notevole spirito d’avventura e di iniziativa, sono irrequieti, impazienti, impulsivi, generosi e sensibili, dal carattere focoso, che facilmente va in collera e tende a portare rancore. Cerca sempre di realizzare e trasformare in realtà le sue idee originali e i suoi sogni ad occhi aperti.
Per i segni di fuoco come l’Ariete, sono fondamentali una buona dose di vita all’aria aperta, una casa confortevole, ambienti energetici, solari e pieni di luce, le loro case sono un vero e proprio trionfo di vita.
Amano il decoro, il superfluo, collezionano e mettono insieme gli oggetti in armonica combinazione, un gruppo di bottiglie in vetro sui toni del verde, ad esempio, sarebbe perfetto posto al centro di un ampio tavolo, come quello di Boffi, pronto ad accogliere ed FullSizeRenderospitare amici e parenti, un bel separè in vetro, come quello di Spazio Pontaccio, posto davanti ad un’ampia finestra da cui entra abbondante la luce del sole, creerà riflessi energetici nell’ambiente, oppure bei fiori che richiamano la primavera sapranno donare buonumore e gioia.
Le sfumature del rosso sono fondamentali, un tavolo di questo tono saprà dare quel tocco di personalità e originalità all’ambiente, come anche una coppia di poltrone comode e accoglienti nel tonto carico e allegro del giallo, ma quello che gli Ariete cercano di ricreare in ogni ambiente, è il senso di casa come, ad esempio, solo una vecchia poltrona, non importa che sia preziosa o dal design riconoscibile, è in grado di creare.
Le caratteristiche che più ricercano negli arredi che inseriscono nelle loro personalissime abitazioni, sono affidabilità e solidità, talvolta anteponendo questi aspetti all’aspetto estetico, una bella e ampia libreria come quella di Amura, utile anche per accogliere gli oggetti che collezionano, saprà soddisfare questa ricerca.